Logo di www. il bello della vita .it
AMREF Campagna 20 litri di solidarietà
| HOME | Amore e Amicizia | Il diario di TPA | Libri... Cinema&TV | Musica | Foto e Viaggi | FORUM | NEWSLETTER | Mappa |

..| Sezioni |..
..| Community |..
..| Contatti |..
..| Carattere |..
Qui puoi scegliere la dimensione del carattere: molto piccolo piccolo medio grande molto grande
..| Accesskey [?] |..
Home Page | Amore e Amicizia | Diario di TPA | MUsica | VIaggi | Libri... TV e Cinema | FOrum | Newsletter
..| Sostienili |..
AMREF Campagna regali di Natale Sostieni Emergency Sostieni Amnesty International

13/4/06 - 293 click

Stampa la pagina... Stampa! | Invia ad un amico... Invia ad un amico! | Commenta... Commenta!

penna Ti lascio perché ti amo troppo

Ti lascio perché ti amo troppo

E’ talmente imbarazzante, inverosimile, raffazzonato questo “Ti lascio perché ti amo troppo” che alla fine fa quasi tenerezza!
La storia del trentenne napoletano Mariano, mollato di punto in bianco dalla sua fidanzata, che conduce un’apatica esistenza sino a quando non incontra una bellissima ragazza brasiliana (la porta in casa facendole credere che si tratti di un Bed&Breakfast) si risolve nel noioso e spento “one man show” (un ossimoro da manuale!)del cabarettista Alessandro Siani (la pellicola gli è stata cucita praticamente addosso) che però non ha la statura, presenza scenica e grinta per imporsi con efficacia sul grande schermo.
Tra caratteri macchiette, sceneggiatura inesistente, gag tristi e povera confezione in digitale (evidentissimi i suoi limiti quando mal governati!), ci si interroga su un triplice dilemma: come c’è capitato Francesco Ranieri Martinotti (sue le regie dei ben riusciti “Abissinia” e “Cresceranno i carciofi a Mimongo") dietro la macchina da presa? Cosa ha spinto un produttore indipendente e “storico” come Mauro Berardi (il suo zampino in film come “Ricomincio da tre”, “Non ci resta che piangere”, “Il Piccolo Diavolo”) a gettarsi in questa impresa? E cosa ha convinto la Mikado (marchio di fabbrica di alta qualità) a distribuire una pellicola del genere? Misteri del mondo della celluloide che speriamo siano di monito a registi, attori, scrittori, produttori e distributori per evitare ulteriori scivoloni soprattutto in un momento in cui il cinema italiano (leggasi i casi recenti di successi come “Il Caimano”, “Il mio miglior nemico”, “Notte prima degli esami”) è riuscito a rinsaldare un’affettuosa e vivace corrispondenza ed intesa con il pubblico delle sale cinematografiche.

Scritto da Calogero Messina



Commenti (3):
rin_86
alle 05:04:35
del 12/8/06
spettacolo consigliato a tutti

grande davvero molto simile al grande massimo troisi ;)
ketty
alle 19:37:37
del 10/6/06
ciao a tutti devo dire che il film è davvero molto simpatico e poi c è lui il grande siani che basta guardalo negli occhi che ti viene da ridere ...
Rosa
alle 11:02:10
del 21/5/06
il film è davvero bellissimo., molto divertente, bella trama(nn la solita storia d'amore vista e rivista) e poi c'è lui...Siani..a mio avviso a Napoli mancava un comico così dai tempi di Troisi :77: ..ve lo dice una ragazza napoletana (forse d parte qst si) ke ha anke avuto l'onore d conoscerlo ed è davvero un grande...


1


Inserisci il tuo commento:
Note:Ti invitiamo a non postare alcun messaggio di tipo osceno, volgare, esplicitamente sessuale, razzista, o che comunque violi qualunque legge. Inoltre, per approfondimenti o richieste, ti segnaliamo il nostro forum, perché in questo spazio non verranno inserite risposte da parte dello staff.
 




Torna in alto torna su
Copyright 2002-2006 © .ilBellodellaVita.it
Layout © .ilBellodellavita.it - Info e Note Legali
È vietata la riproduzione, anche solo in parte, di questo materiale. Il materiale che è stato prelevato da internet e da fonti esterne è riportato con le proprie note di copyright, ed è comunque riportato a puro scopo informativo. In caso di reclami contattate la redazione.